2009 - 04 SIRIO CHANNEL - Aprile
Archivio Newsletter
SINFORMA: Argomento del mese
Novita' dal laboratorio software
Novita' dal mondo SIRIO
SoftwareSirio V10.10: anticipazioni
Eventi formativi dedicati ai clienti SIRIO
Letto per Voi da Sirio
Senza innovazione non c’è crescita: chi coltiva giovani talenti supererà più facilmente la crisi
Power Systems: trapela una roadmap che prevede performance quintuplicate rispetto alle attuali
Anche gli utenti System i possono implementare IPv6: data l’importanza, ecco alcuni consigli
 
 
Senza innovazione non c’è crescita: chi coltiva giovani talenti supererà più facilmente la crisi

La maggior parte dei manager ritiene che la capacità di innovare di un’azienda è il più importante indice della sua potenziale crescita (e capacità di uscire rapidamente da questa crisi).
La pensano in questo modo l’84% dei responsabili aziendali che hanno partecipato ad un recente sondaggio promosso da Economist Intelligence Unit in tre continenti (Stati Uniti, Europa ed Asia), volto ad esplorare ed identificare le qualità che permettono di definire un’azienda innovativa.
Quali sono le modalità con cui si può innovare?
Dallo studio emerge che il concetto di innovazione è anzitutto strettamente legato alla capacità delle aziende di assumere nuovi talenti e personale altamente competente nel proprio settore lavorativo. E’ il 92% degli intervistati ad affermarlo.
Il secondo fattore a stimolare l’innovazione è invece fuori dal controllo delle aziende stesse ed è rappresentato da quella serie di norme, leggi e misure finanziarie attuate dai governi locali, volte appunto a creare un ambiente fertile e favorevole nei confronti dei progetti innovativi.
Gli Stati Uniti, stando al parere degli esperti, è attualmente il paese che attira i maggiori investimenti nell’innovazione, seguito da India, Cina, Regno Unito e Canada.
Altri paesi europei presi in considerazione (seppure con percentuali nettamente più basse) sono Germania, Russia, Spagna, Belgio, Danimarca e Francia.
Purtroppo l’Italia non compare nell’elenco delle prime 25 nazioni.
Ma in che modo le aziende possono stimolare l’innovazione al loro interno?
La tecnica adottata dal 59% delle compagnie intervistate consiste nel brainstorming mirato, attuato attraverso riunioni o gruppi di lavoro che si impegnano specificatamente in questa direzione.
Il 52% delle imprese, invece, afferma di utilizzare dei metodi di informazione interna che facilitano la diffusione delle buone idee. Il 47% reputa importante lasciare ai dipendenti una certa libertà nel perseguire i propri obiettivi professionali, mentre il 43% applica la tecnica del lavoro dinamico, ovvero focalizzandosi più sul risultato che sul numero di ore trascorse in ufficio.
Ancora il 37% preferisce ricorrere ad incentivi (spesso monetari) assegnati a livello individuale ed il 26% si affida a corsi di formazione mirati nel far luce sulle tecniche per il raggiungimento dell’innovazione. Non si riconosce in nessuno di questi comportamenti o comunque non cerca di favorire in alcun modo l’innovazione al proprio interno l’1% del campione sondato.
Lo studio di Economist Intelligence Unit può essere consultato gratuitamente nella sua interezza visitando il collegamento sottostante.

Fonte: newsletter settimanale Duke.