2007 - 09 SoftwareSirio - Settembre
Archivio Newsletter
SINFORMA: Argomento del mese
Novita' dal laboratorio software
Novita' dal mondo SIRIO
Eventi formativi dedicati ai clienti SIRIO
Formazione per dipendenti, consulenti e rivenditori SIRIO
Letto per Voi da Sirio
Glossario Sirio
Newsletter
Decreto RAEE
 
 
Decreto RAEE
Che cos’è il decreto RAEE?

Il “Decreto RAEE” è il recepimento da parte dell’Italia delle direttive europee 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e sulla la gestione del fine vita della medesima tipologia di apparecchiature. Il riferimento di legge è costituito dal DECRETO LEGISLATIVO n. 151/2005 pubblicato sul Supplemento Ordinario della GURI del 29 luglio 2005.

Cosa significa RAEE?
RAEE è l’acronimo che indica i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, equivalente dell’europeo WEEE (Waste of Electric and Electronic Equipment).

Cosa prevede il decreto?
Il decreto prevede che i produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE), al momento della vendita di un prodotto nuovo, si facciano carico di recuperare un prodotto usato o un rifiuto equivalente. Per prodotto equivalente si intende una apparecchiatura adibita alle stesse funzioni della nuova apparecchiatura fornita e il cui peso non sia superiore al doppio di quella appena acquistata.
I produttori, tramite i distributori, si attivano per garantire la raccolta e il trattamento delle apparecchiature obsolete raccolte in sostituzione.
La finalità del decreto è quella di promuovere il reimpiego, riciclaggio e recupero dei RAEE, riducendone così la quantità da avviare a smaltimento. L'obiettivo dichiarato è di raccogliere, entro la fine del 2008, almeno 4 kg di RAEE in media per abitante.

Chi sostiene i costi dell’operazione?
I costi di questa operazione sono a carico del produttore a partire dalla consegna presso un centro di raccolta separata appositamente allestito. Il produttore si fa carico anche di un corretto trattamento delle apparecchiature raccolte.
Le apparecchiature possono essere rifiutate nel caso risultino manomesse o mancanti di parti essenziali al loro funzionamento oppure nel caso sussistano dubbi che queste siano contaminate da sostanze pericolose.