2008 - 03 SoftwareSirio - Marzo
Archivio Newsletter
SINFORMA: Argomento del mese
Novita' dal laboratorio software
Novita' dal mondo SIRIO
Eventi formativi dedicati ai clienti SIRIO
Hotline Sirio: domande & risposte
Letto per Voi da Sirio
Tendenze 2008: cinque previsioni sulle scelte dei clienti della piattaforma System i
Svelati i segreti del System i: ecco perché ha un costo effettivo reale minore dei server PC
Ecco i motivi per cui cresce lo schema del software come servizio anche per le soluzioni ERP
Circa la metà del software System i è già pronto per il nuovo release i5/OS V6R1
Si riscopre la gestione del magazzino quale elemento trainante per l'efficienza aziendale
 
 
Circa la metà del software System i è già pronto per il nuovo release i5/OS V6R1
Com'è noto, il 21 Marzo IBM rilascia il nuovo sistema operativo i5/OS V6R1 per il System i ma quanto si dovrà poi attendere affinché il software delle terze parti sia in grado di supportare pienamente questo release?
Per avere una risposta a questa domanda lo staff di ITJungle.com ha effettuato un'indagine informale contattando varie decine di vendor di soluzioni per il System i allo scopo di verificare la situazione ed i preparativi in atto.
Da quest'indagine è emerso che più della metà dei vendor è già in grado di offrire soluzioni software aggiornate e pienamente compatibili a partire dalla data di disponibilità effettiva del V6R1.
La questione sembra essere ancora non chiara per il 40% delle società contattate, tra cui alcune che sviluppano applicazioni software per l'area ERP (Enterprise Resource Planning).
Il motivo del ritardo è dovuto al fatto che il nuovo sistema operativo differisce sensibilmente dai precedenti, per cui è stato predisposto da IBM un apposito programma di conversione che viene fornito a tutti gli interessati.
Tramite questo tool sarà possibile alle vecchie applicazioni di girare senza problemi anche sotto il nuovo ambiente. Per gli sviluppatori che fanno uso di moderne tecniche di sviluppo applicativo, la procedura di conversione non dovrebbe risultare complessa.
Al contrario, invece, potrebbero sorgere problemi per il software molto obsoleto, in particolare per coloro che non hanno allineato il codice sorgente alle varie modifiche tecnologiche introdotte da Big Blue nei vari release precedenti del sistema operativo.
Per facilitare, in ogni modo, il processo di conversione IBM ha rilasciato uno strumento apposito denominato Analyze Object Conversion, il cui scopo è appunto identificare potenziali ostacoli al corretto espletamento della procedura, quando si è in presenza d'applicazioni scritte per i5/OS V5R3 ed i5/OS V5R4.
Il software originariamente pensato per le versioni precedenti del sistema operativo non dispone però d'alcun tool automatizzato e questo potrebbe creare dei problemi.
Per queste applicazioni, innanzitutto, il tool di conversione richiede necessariamente la presenza del codice sorgente originale.
Per controllare lo stato effettivo di preparazione del software nei riguardi del release V6R1, lo staff di ITJungle.com ha poi elaborato ulteriori dettagli dai dati raccolti.
Il 53% degli intervistati dichiara che i loro prodotti saranno perfettamente allineati con il lancio del sistema operativo previsto per il prossimo 21 Marzo, un ulteriore 15% prevede la piena compatibilità entro due mesi dal rilascio di V6R1, mentre il 4% non considera l'allineamento una priorità e quindi non ha fornito alcuna data impegnativa di rilascio. Il resto del campione sondato non ha risposto per cui questo potrebbe essere un indice che molti fornitori con vecchie applicazioni con l'occasione probabilmente si ritireranno dal mercato.
E' significativo, inoltre, come fra i vendor che hanno risposto positivamente, quasi tutti hanno contemporaneamente ammesso che hanno dovuto (o dovranno) apportare modifiche anche minime al codice sorgente delle proprie applicazioni per renderle pienamente funzionanti con il nuovo i5/OS V6R1.

Fonte: Newsletter settimanale System i News - 05/03/2008