2008 - 05 SIRIO CHANNEL - Maggio
Archivio Newsletter
SINFORMA: Argomento del mese
Novita' dal laboratorio software
Novita' dal mondo SIRIO
Eventi formativi dedicati ai clienti SIRIO
Letto per Voi da Sirio
Investimenti IT: sistemata la sicurezza le aziende pensano al customer care, vendite e CRM
SaaS: crescono in Europa le implementazioni CRM, BI e per la collaborazione aziendale
A tre mesi dalla partenza del nuovo sistema di gestione dei RAEE, il consorzio RE.MEDIA fa il punto della situazione
 
 
SaaS: crescono in Europa le implementazioni CRM, BI e per la collaborazione aziendale
Le soluzioni applicative per la collaborazione aziendale ed i software appartenenti all’area CRM (Customer Relationship Management) sono attualmente le implementazioni SaaS (Software as a Service) più diffuse a livello internazionale.
A rivelarlo è uno studio, pubblicato recentemente da Saugatuck, che fotografa l’attuale situazione del fenomeno a livello mondiale.
Sebbene gli analisti si dicano convinti che gli Stati Uniti (considerati i precursori del modello del software come servizio) siano dai sei mesi ad un anno più avanti rispetto all’Europa, i dati resi noti svelano una realtà per certi versi contrastante.
Emerge, infatti, che in Europa è utilizzata l’implementazione secondo il modello SaaS di una soluzione per la gestione della posta elettronica o delle conferenze web dal 46,4% delle aziende contro il 44,7% di quelle nord americane.
Sempre in Europa il 20,7% delle aziende utilizza un’applicazione finanziaria di tipo SaaS rispetto al 16,3% delle imprese statunitensi. E' sensibilmente più alto, nel vecchio continente, anche l’uso di soluzioni nell’area Business Intelligence basate sul modello a servizio (22% contro 14,8%).
Le implementazioni SaaS di tipo CRM sono invece più diffuse in Nord America (37,4%) in confronto all’Europa (33,6%).
Ma le suite per la Collaborazione ed il CRM non sono solamente i prodotti più utilizzati del momento nell’ambito della metodologia a servizio.
I dati divulgati dai ricercatori Saugatuck le proiettano entrambi come le implementazioni a più veloce diffusione dei prossimi due anni. Se oggi il loro share equivale a livello globale rispettivamente al 45 ed al 36,4 percento, nel 2010 passeranno al 66,8 ed al 58,9 percento.
Questi risultati dimostrano un’importante cambiamento nell’intero panorama IT.
In passato alcuni responsabili IT aziendali hanno assunto un atteggiamento di profonda resistenza nei confronti della metodologia “a servizio”, in quanto incerti sul ruolo strategico che SaaS avrebbe effettivamente giocato all’interno dell’impresa.
Vista da alcuni come una distrazione e da altri come un’opzione di deployment da considerare solo in presenza di situazioni specifiche, molti degli stessi che prima osteggiavano il modello SaaS, oggi lo vedono come una freccia di enorme valore nel proprio arco.
Questo fatto testimonia che la metodologia a servizio sta per essere ormai accettata da tutti come enterprise-ready, ovvero pronta per essere largamente implementata in ambito aziendale.
Tra il 2009 ed il 2012 gli analisti si aspettano che il 40% delle aziende valuteranno seriamente l’utilizzo di una soluzione SaaS anche nell’ambito delle applicazioni mission-critical.
Fra queste circa un terzo sceglierà una soluzione applicativa addizionale per l’azienda, un terzo migrerà da una precedente implementazione SaaS ed il rimanente terzo potrebbe decidere di posticipare la sua decisione.

Fonte: Newsletter settimanale System i News - 21/05/2008